Archive for the Awards Category

The Great Duke Ellington

Posted in American Music, Artists, Awards, Cinema, Duke Ellington, Jazz Music, Music, Music & Lyrics, Protagonisti, Ragtime, Spettacolo, Video with tags , , , , , on luglio 16, 2013 by Me

duke-ellington-composing-40-s-401x320

Duke Ellington was born April 29, 1899, in Washington, D.C. A major figure in the history of jazz music, his career spanned more than half a century, during which time he composed thousands of songs for the stage, screen and contemporary songbook. He created one of the most distinctive ensemble sounds in Western music and continued to play what he called “American Music” until shortly before his death in 1974.

Duke_Ellington_star_HWF

 Ellington was raised by two talented, musical parents in a middle-class neighborhood of Washington DC. At the age of 7, he began studying piano and earned the nickname “Duke” for his gentlemanly ways. Inspired by his job as a soda jerk, he wrote his first composition, “Soda Fountain Rag,” at the age of 15. Despite being awarded an art scholarship to the Pratt Institute in Brooklyn, New York, Ellington followed his passion for ragtime and began to play professionally at age 17.

In the 1920s, Ellington performed in Broadway nightclubs as the bandleader of a sextet, a group which in time grew to a 10-piece ensemble. Ellington sought out musicians with unique playing styles, such as Bubber Miley, who used a plunger to make the “wa-wa” sound, and Joe Nanton, who gave the world his trombone “growl.” At various times, his ensemble included the trumpeter Cootie Williams , cornetist Rex Stewart and alto saxophonist Johnny Hodges. Ellington made hundreds of recordings with his bands, appeared in films and on radio, and toured Europe on two occasions in the 1930s.

duke6

Ellington’s fame rose to the rafters in the 1940s when he composed several masterworks, including “Concerto for Cootie,” “Cotton Tail” and “Ko-Ko.” Some of his most popular songs included “It Don’t Mean a Thing if It Ain’t Got That Swing,” “Sophisticated Lady,” “Prelude to a Kiss,” “Solitude,” and “Satin Doll.” A number of his hits were sung by the impressive Ivie Anderson, a favorite female vocalist of Duke’s band.

It was Ellington’s sense of musical drama that made him stand out. His blend of melodies, rhythms and subtle sonic movements gave audiences a new experience—complex yet accessible jazz that made the heart swing. Ellington’s autobiography, Music Is My Mistress, was published in 1973. Ellington earned 12 Grammy awards from 1959 to 2000, nine while he was alive.

Duke_Ellington_Big_Band

At the age of 19, Ellington married Edna Thompson, who had been his girlfriend since high school, and soon after their marriage, she gave birth to their only child, Mercer Kennedy Ellington.

On May 24, 1974, at the age of 75, Duke Ellington died of lung cancer and pneumonia.

His last words were, “Music is how I live, why I live and how I will be remembered.”

(2013 A+E Networks. All rights reserved)

………………………………..

Duke Ellington is best remembered for the over 3000 songs that he composed during his lifetime. The most amazing part about Ellington was the most creative while he was on the road. It was during this time when he wrote his most famous piece, “Mood Indigo”which brought him world wide fame.

………………………………………..

Duke_01

Duke Ellington, nato il 29 Aprile 1899 a Washington, è stato una delle maggiori figure della storia della musica Jazz. La sua carriera ha coperto più di mezzo secolo, durante il quale ha composto migliaia di canzoni per il teatro, per il cinema e incisioni discografiche. Ellington  creò  una delle più rilevanti combinazioni di suoni nella musica occidentale e continuò a suonare quella che lui chiamava ” American Music ” fino a poco prima della sua morte, nel 1974.

Duke fu allevato da due genitori con grande talento musicale, in un quartiere del ceto medio a Washington D.C. . All’ età di 7 anni iniziò a studiare il pianoforte e si guadagnò il soprannome “Duke” per i suoi modi da gentiluomo. Fu proprio il suo lavoro come Soda Jerk (  aggiungeva la soda al gelato) ad ispirargli la sua prima canzone  “Soda Fountain Rag”, all’età di 15 anni.  Nonostante avesse ricevuto una borsa di studio in Arte al Pratt Institute di Brooklin, Ellington seguì la sua passione per il Ragtime e cominciò a suonare professionalmente a 17  anni.

Nel 192o Ellington suonava nei Nightclubs di Broadway come leader di una band di 6 musicisti, un gruppo che col tempo aumentò fino ad arrivare a 10 elementi.  In varie occasioni, la sua orchestra incluse il trombettista  Cootie Williams , il cornettista  Rex Stewart  ed il sassofonista  Johnny Hodges.  Ellington fece centinaia di registrazioni con la sua Band,  apparizioni in films e alla radio e  andò in tournè per due volte in Europa negli anni ’30

La fama di Duke Ellington arrivò al vertice negli anni ’40 quando compose diversi capolavori, come “Concerto for Cootie “, ” Cotton Tail” e “Ko-Ko”. Alcune delle sue più famose composizioni : “It Don’t Mean a Thing if It Ain’t Got That Swing, ” “Sophisticated Lady,” “Prelude to a Kiss,” “Solitude,” and “Satin Doll”. Molti dei suoi  successi furono cantate da Ivie Anderson, la vocalist preferita della Duke band.

Fu il suo senso del dramma musicale a farlo risaltare. La sua miscela di melodie, ritmi e sottili movimenti sonori  diede al pubblico una nuova esperienza, di una complicata ma accessibile musica jazz che ti fa battere il cuore. 

La sua autobiografia, Music Is My Mistress, fu pubblicata nel 1973. Ellington vinse 12 Grammy awards dal 1959 al 2000, nove dei quali mentre era ancora in vita.

Duke Ellington  è ricordato per le oltre 3000 canzoni che ha composto durante la sua vita. Una delle cose più sorprendenti di Ellington fu la creatività mentre viaggiava. E’ stato proprio in questi periodi che ha scritto uno dei suoi brani più famosi, “Indigo Mood” che gli  portò il successo a livello mondiale.

A 19 anni Ellington sposò Edna Thompson, sua fidanzata dal liceo da cui ebbe l’unica figlia Edna Mercer Kennedy Ellington.

Duke Ellington morì il 24 Maggio del 1974, a 75 anni. Le sue ultime parole furono:” La musica è come vivo, perchè vivo e ciò per cui io sarò ricordato” .

Academy Awards -Oscar 2011 – The Winners!

Posted in Academy Awards, Actors, Artists, Awards, Cast, Cinema, Directors, Eventi, Film, I vincitori, Movies, Music, Protagonisti, Trailers, Winners with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on marzo 7, 2011 by Me

 

 



Best Picture  –  Writing (Original Screenplay)

The King’s Speech

 


Actress in Leading Role – Natalie Portman, Black Swan

Actor in a Leading Role – Colin Firth, The King’s Speech

 

Actress in a Supporting Role –  Melissa Leo, The Fighter

 

 

**********************************************************************************************************


Actor in a Supporting Role – Christian Bale, The Fighter

 

Directing –  The King’s Speech, Tom Hooper

 

Music (Original) – We Belong Together from Toy Story 3

Animated Feature Film –

 

Art Direction  and Costume Design

Alice In Wonderland

 

Cinematography – Sound Editing- Sound Mixing and Visual Effects

Inception

Documentary (Feature) – Inside Job


Documentary (Short Subject) – Strangers No More

 

Film Editing – Music (Original Score)-Writing (Adapted Screenplay)


The Social Network

Foreign Language Film – In A Better World, Denmark

Makeup- The Wolfman

Short Film (Animated) – The Lost Thing

Short Film (Live Action) – God of Love


 

 

 






Vincitori del Festival Internazionale del Film di Roma 2009

Posted in Actors, Artisti.Eventi, Artists, Attori, Awards, Cinema, Directors, Eventi, Festival, Film, Foto, I vincitori, Informazione, Movies, Protagonisti, Roma, Trailers with tags , , , , , , , , , , , , , , , on ottobre 24, 2009 by Me

festival cinema 2009

ROMA (Reuters) – “Brotherhood”, film diretto dal regista italo-danese Nicolo Donato, ha vinto il Marc’Aurelio d’Oro della Giuria al miglior film al Festival Internazionale del Film di Roma.

…………………………………………………….

“L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti, invece, si è aggiudicato il Marc’Aurelio d’Oro del pubblico al miglior film-Bnl. Lo ha annunciato la Fondazione cinema per Roma.


locandina_del_film_L_uomo_che_verra---01

Le due pellicole, una sull’amore impossibile tra due omosessuali appartenenti ad un gruppo neonazista danese e l’altra sulla strage di Marzabotto, avevano già riscosso grande successo in sala, sia tra i critici che tra il pubblico.

…………………………………..


Il premio Marc’Aurelio d’Oro della Giuria alla migliore attrice è andato ad Helen Mirren per la sua interpretazione in “The Last Station” di Michael Hoffman.

L’ultima stazione del titolo è quella di Astapovo, in cui trovò la morte (per polmonite) il grande romanziere Lev Tolstoj (qui interpretato da Christopher Plummer,,mentre tentava di fuggire in Crimea, per applicare integralmente il suo rigoroso ideale di vita ascetico.

Qui verrà raggiunto dalla moglie Sofja Tolstoj, Helen Mirren , che gli rimane vicino nell’ora fatale nonostante nell’ultimo periodo della sua vita lo scrittore abbia ridotto la sua famiglia sul lastrico per inseguire un’ideale di vita anarchico-cristiano e anarco-pacifista.

…………………………………..

Sergio Castellitto si è aggiudicato il premio per il miglior attore per il film “Alza La Testa” di Alessandro Angelini.

Mero fa l’operaio in un cantiere nautico a Fiumicino. E’ un uomo ruvido e, benché il suo mestiere lo porti ogni giorno sulle navi, non ha mai viaggiato perché ha paura di tutto ciò che è diverso da sé. Ha un figlio, Lorenzo, che ha cresciuto in completa solitudine da quando la sua compagna, Denisa, una donna albanese, li ha lasciati. Lo ha educato nel mito della boxe, incitandolo ad alzare sempre la testa, sul ring come nella vita. I due vivono in un delicato equilibrio che viene sconvolto dal ritorno di Denisa e dall’incontro di Lorenzo con una ragazza, Ana. Quando Lorenzo ha un incidente e i medici dicono che non c’è niente da fare, Mero dà il suo assenso all’espianto del cuore. Ma il dolore lo stringe in una morsa e, aggirando la legge, riesce a scoprire il nome del ragazzo che ha ricevuto il cuore di Lorenzo. Lascia così Fiumicino e la sua regione per compiere un viaggio verso il Nord e conoscere il ragazzo che spera abbia qualcosa in comune con il suo Lorenzo.

“L’uomo che verrà” ha fatto incetta di premi, aggiudicandosi anche il Gran Premio della Giuria Marc’Aurelio d’Argento dopo che, in mattinata, aveva vinto anche il Premio “La meglio gioventù” del Ministero della Gioventù per il Miglior film in concorso legato al mondo dei giovani e dedicato ai temi educativi e civili.

……………………………………..




Infine, dopo Sean Connery, Sophia Loren e Al Pacino, il Festival ha reso omaggio all’attrice che ha ricevuto più nomination nella storia degli Oscar, la bravissima Meryl Streep, alla quale è stato consegnato il Marc’Aurelio d’Oro alla carriera.


Stage Entertainment presenta la versione Italiana del Musical “La Bella e La Bestia”

Posted in Academy Awards, Alan Menken, Artisti. Musical, Artisti. Musical movies, Artisti. Musicals, Artisti.Eventi, Awards, Disney, Eventi, Informazione, Milano, Musical, Musicals, novità, Protagonisti, Stagioni Teatrali, Trailers, Trame, Video, Walt Disney with tags , , , , , , , on agosto 10, 2009 by Me

la-bella-e-la-bestia

Dal sito La Bella e La Bestia

Stage Entertainment Italy è orgogliosa di annunciare la riapertura del Teatro Nazionale di Milano e il suo ingresso in Italia con la sua prima produzione, il musical Disney ‘La Bella e la Bestia’, che debutterà il 2 ottobre 2009.

Scoprirete la magia di una delle storie d’amore più belle che siano mai state raccontate, vivrete una passione in grado di andare oltre le apparenze, vi divertirete e vi commuoverete fino alle lacrime nel musical più spettacolare che abbiate mai visto in Italia


In una fredda notte invernale una vecchia mendicante bussa al portone di un castello ricco e sfarzoso per chiedere al principe che vi abita un riparo per la notte. In cambio offre tutto ciò che possiede: una rosa rossa. Il padrone del castello, arrogante ed egoista, caccia via la donna offeso dal suo aspetto ripugnante, ridendo di lei e del suo futile dono.

È così che la storia ha inizio, ma nulla è come sembra. La vecchia donna è in realtà una fata bellissima e potente che punisce il principe per il suo comportamento trasformando lui in un’orrida bestia e tutta la sua servitù in oggetti animati. Per rompere l’incantesimo la Bestia dovrà imparare ad amare ed a farsi amare nonostante il suo aspetto mostruoso e dovrà riuscirci prima che la rosa magica lasciata dalla fata perda il suo ultimo petalo.
Riuscirà la Bestia a incontrare una donna pronta ad amarlo e a spezzare la maledizione?
La Bella e la Bestia è una storia senza tempo che insegna a guardare al di là delle apparenze, una storia in cui i personaggi imparano il significato del vero amore sconfiggendo le avversità che la vita pone loro davanti ma soprattutto una storia che svela un messaggio universale: la vera bellezza è quella interiore.

La musica, i costumi, le luci e le scenografie ricreano alla perfezione il mondo incantato ideato dalla Disney nel suo famosissimo film d’animazione. Questi elementi unici nel mondo del musical, uniti alle performance degli attori e alle musiche straordinarie di Alan Menken, vincitore del premio Oscar per la colonna sonora originale, fanno di questo spettacolo una delle esperienze più emozionanti che si possano vivere a teatro.



arianna2

Arianna Martina Bergamaschi, in arte Arianna, nasce a Milano. Sin dalla culla sembra destinata ad una carriera nello spettacolo. A soli 7 mesi partecipa a diversi spot pubblicitari, a sei anni inizia a studiare danza ed a sette si esibisce in pubblico nei tour estivi insieme alla madre cantante professionista.
A 13 anni vince, scelta tra 2.000 aspiranti, il concorso indetto dalla Walt Disney per eleggere la sua testimonial italiana e firma un contratto in esclusiva per 5 anni da cui nascono apparizioni televisive, rubriche sulle testate Disney, concerti, decine di compilation e ben 4 album da solista.

Nel
1996 il grande sogno di recitare in un musical spinge Arianna ad intraprendere lo studio della recitazione. Lei dimostra di saper cantare, ballare e recitare e quel sogno si avvera nel 1998 quando Gino Landi e Pietro Garinei la vogliono per la commedia musicale “Un Mandarino per Teo”.

Non tardano ad arrivare nuovi successi come cantante. Nel 1998 è terza a Sanremo Giovani, l’anno dopo al Festival di Sanremo si classifica al quarto posto nella categoria Giovani Proposte e pubblica il suo nuovo album “Arianna”. Seguono altri impegni teatrali con i ruoli di protagonista nel musical “Il Mago di Oz”, di protagonista femminile nel musical “Masaniello” (in cui Arianna recita in napoletano antico) e da co-protagonista in “Sogno di una Notte di Mezza Estate” con la regia di Tato Russo. Negli anni successivi è ancora Bianca ne “La Bisbetica Domata”, la Fata Turchina in “Pinocchio” su musiche dei Pooh e Giulietta in “Romeo e Giulietta”. Continua con successo la sua carriera come cantante e nel 2007 esce l’album “A Modo Mio”, una sua personale rilettura delle grandi melodie dei musical.
Sul piccolo schermo Arianna è la show girl principale dell’edizione 2007 de “La Corrida” su Canale 5, fra il 2008 ed il 2009 è l’attrice comica di “Saturday Night Live” in onda su Italia 1, da febbraio a maggio 2009 è Roberta di Leo nella soap “Cento Vetrine” trasmessa da Canale 5.
Nel 2008 il premio Oscar Ennio Morricone la sceglie come interprete del suo inedito “Verso Est”,
brano che diretto dello stesso autore diventerà la colonna sonora di un celebre spot pubblicitario con Richard Gere.
Il 2009 sarà un anno molto importante per Arianna, scelta per il ruolo di Belle nella spettacolare produzione italiana del musical Disney “La Bella e la Bestia”, messa in scena dalla multinazionale Stage Entertainment, leader europea nella produzione di spettacoli dal vivo.



michel_altieri

Michael Altieri, Italo francese, 31 anni, attore di prosa e cantante scoperto da Luciano Pavarotti. Si forma tra Usa e Italia e nel 2000 debutta tra i protagonisti della rock-opera “Rent”, prodotta da Nicoletta Mantovani con la regia originale di Broadway di Michael Greif. È lui il primo artista bianco ad interpretare il ruolo di Collins.
Diplomatosi alla International Theatre School e al Cta, diventa allievo di Anna Strasberg dopo avere vinto un concorso mondiale per una borsa di studio allo Strasberg Institute. Cresce ancora con Emiliana Perina, con Narcisa Bonati del Piccolo di Milano, con il Maestro Mario Ciervo del San Carlo di Napoli e con il Maestro Tato Russo, che lo dirige per sette anni nel ruolo di protagonista nei musical-kolossal “I Promessi Sposi” e “Il Ritratto di Dorian Gray”. Non mancano i riconoscimenti: vince il Musical Theatre Award, il Rome-Europe Award, e il Premio Sandro Massimini come migliore attore.
Per il cinema interpreta la vittima del terrorismo cubano Fabio di Celmo nella pellicola “Cuando la Verdad Despierta” presentata al Festival del Cinema di Berlino nel 2007 e nella quale recita anche Fidel Castro interpretando se stesso. Ancora nel 2007 è premiato in Campidoglio come attore rivelazione.

Per la tv è guest star in “Piloti”, “Il Bene e Il Male”, “Tawanna Ray” e nella celebrity edition di “Camera Cafè”. In teatro interpreta Norman nel musical “Mambo y Salsa”, Cristiano nel cult “Cirano de Bergerac” di Corrado D’Elia, e Rocco in “Rocco e i Suoi Fratelli” di Antonio Sixty. Nel 2008 Dario Argento lo vuole per il ruolo di Mark Harris nel musical “Profondo Rosso” scritto da Claudio Simonetti e diretto da Marco Calindri. Ancora nel 2009 è Alberto Verani nella commedia “Due Dozzine di Rose

Scarlatte” di Aldo De Benedetti per la regia di Livio Galassi nella riscrittura di Tato Russo.


A ottobre debutterà come protagonista nel musical “La Bella e la Bestia” di Stage Entertainment, dove interpreterà la Bestia, un ruolo di cui Michel si è innamorato immediatamente per la sfida di dover recitare e comunicare le emozioni senza mostrare il suo volto, alterato in maniera irriconoscibile dal trucco di scena.


Ecco i due protagonisti nello Showcase

al Limelight di Milano Giugno 09

Musica Awards 2009. Le 5  “Belle” cantano un brano da La Bella e la Bestia alla presenza di Alan Menken

E’ stato proprio Menken a scegliere Arianna e Michael Altieri per la versione Italiana

del Musical!

Per informazioni andate sul

sito del Musical


IL Musical ” Avenue Q” in Italia!!!!

Posted in Artisti. Musical, Artisti. Musicals, Artisti.Eventi, Artists, Awards, Backstage, Broadway, Directors, Eventi, Foto, Informazione, Musical, novità, Nuove produzioni, Photos, Spettacoli, Tour, Video with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 11, 2009 by Me

avenue-qavenue_q_pr_photo_01

Oggi , sabato 11 luglio, nel corso della serata d’apertura della XXV Biennale Internazionale dell’umorismo nell’arte di Tolentino, sul palco ci sarà anche l’anteprima assoluta di un nuovo musical che debutterà in Italia in ottobre.

Avenue Q è uno spettacolo unico che ha per protagonisti dei pupazzi fatti vivere da attori che, recitando accanto a loro, ne completano le intenzioni, le espressioni e l’energia. E così all’improvviso, ci si ritrova in una dimensione dove il pupazzo e l’attore si sono fusi in un unico personaggio e non si percepisce più dove inizia uno e finisce l’altro.

Lo spettacolo ha debuttato off-Broadway nel marzo del 2003, a luglio dello stesso anno si è trasferito a Broadway registrando un successo incredibile, generando altre versioni a Londra e in vari paesi del mondo; ha vinto vari premi tra cui 3 Tony Awards come miglior musical, miglior soggetto originale e migliori musiche originali.

Le varie clip su You Tube hanno realizzato oltre 10 milioni di visualizzazioni mettendo di diritto lo spettacolo tra i musical più interessanti e innovativi degli ultimi anni.

L’estratto dello spettacolo, uno show-case di circa 15 minuti, verrà presentato in anteprima assoluta a Tolentino, una scelta che non è stata fatta a caso. Infatti lo spettacolo nasce con molti elementi che riportano alla città: sono tolentinati Bruno Borraccini, produttore esecutivo e Massimo Zenobi che vi collabora per la comunicazione, così Cinzia Pennesi che dello spettacolo è la Direttrice musicale; i pupazzi stanno nascendo a Tolentino, curati da Ada Borgiani e la stessa società di produzione di Arturo Brachetti – che ha disegnato i pupazzi e sarà presente alla serata – ha sede a Tolentino.

In palcoscenico una parte del cast; Gabriele Foschi, Mauro Simone e Laura Bagnato, diretti dal regista Stefano Genovese, daranno vita ai 6 principali pupazzi dello spettacolo cantando dal vivo i più famosi temi musicali dello show.

L’umorismo è il tema trainante di Avenue Q e, quindi, la sua anteprima assoluta non poteva avere  cornice migliore; uno spettacolo che da ottobre sarà in importanti teatri italiani come il Teatro Nuovo di Milano, il Teatro Olimpico di Roma, il Teatro Puccini di Firenze, il Teatro Alfieri di Torino ecc., ha il suo battesimo, ancora una volta, a Tolentino.

—————————-

Trama

Princeton, un giovane graduato al College,  arriva a New York con dei grandi sogni  e un piccolo conto in banca. Presto scopre che l’unico quartiere all’altezza delle sue tasche è Avenue Q, dove trova dei simpatici vicini.

C’è Brian un attore di teatro disoccupato e la sua terapista- fidanzata Christmas Eve; Nicky e il compagno di stanza Rod, che investe in borsa e sembra custodire un gran segreto per aver successo;

un Internet addicted Trekkie Monster, ed una graziosissima assistente in una scuola materna, Kate.

E ci credereste se vi dico che l’amministratore del palazzo dove abitano è Gary Coleman? Sì proprio quel Gary Coleman!:)

Princeton e i suoi nuovi  amici lottano per un lavoro, per trovare l’amore e realizzare  il loro sempre più inafferrabile scopo  di vita


Music and Lirycs- Robert Lopez e  Jeff Marx

Sceneggiatura.- Jeff Whitty

Coreografie – Ken Roberson

Regia-  Jason Moore


Winner of three 2004 Tony Awards
Best Musical
Best Original Score – Robert Lopez and Jeff Marx
Best Book of a Musical – Jeff Whitty

Saoirse Ronan

Posted in Actors, Artists, Awards, Biografie, Directors, Film, Movies, Photos, Protagonisti with tags on gennaio 14, 2009 by Me
344732002

Nata a New York il 12 aprile del 1994 ma cresciuta in Irlanda, Saoirse Ronan è figlia dell’attore Paul Ronan. Fin da piccola ha accompagnato il padre durante la lavorazione dei suoi film (tra questi L’ombra del diavolo e Veronica Guerin – Il prezzo del coraggio). Dopo aver lavorato in alcune serie tv irlandesi come The Clinic e Proof, ottiene la sua prima grande occasione recitando nel film Death Defying Acts.

In seguito è la figlia di Michelle Pfeiffer nel film 2 Young 4 Me – Un fidanzato per mamma,

ma si mette in mostra grazie al ruolo della giovane Briony Tallis in Espiazione( Atonement) , ruolo che le vale una candidatura ai Golden Globe 2008 come migliore attrice non protagonista e ai premi Oscar 2008, sempre come miglior attrice non protagonista. Il suo nome, Saoirse, in gaelico irlandese significa “libera”.

Fra pochi mesi nizieranno in Bulgaria le riprese del nuovo film del regista australiano Peter Weir, ” The Way Back”, nel quale Saoirse vestirà i panni di un’adolescente russa che incontra il gruppo di fuggitivi. Nel Cast Colin Farrel, Ed Harris e  Jim Sturgess.

Nel film Death Defying Acts con Catherine Zeta-Jones


Saoirse Ronan and James McAvoy at the Hollywood Premiere of Atonement

atonementprem32 Keira Knightley, Saoirse Ronan, and Vanessa Redgrave


Dal film 2 Young 4 Me – Un fidanzato per mamma

Al via Il 61° Festival di Cannes

Posted in Actors, Artists, Attori, Awards, Cinema, Directors, Eventi, Festival, Film, Maggio, Movies, novità, Trailers with tags , on maggio 14, 2008 by Me
Anche la 61° edizione del Festival di Cannes ,promette di essere un gran successo: la punta di diamante è l’anteprima mondiale di Indiana Jones e il regno dei teschio di cristallo, quarto episodio di una delle saghe più amate al mondo, ma anche uno di film più attesi, e rimandati, dell’ultimo decennio .Nella sezione- Fuori concorso- Il grande Woody Allen con” Barcelona “, “Vicky Cristina” con Penelope Cruz e il nuovo film di animazione della Dreamworks, “Kung Fu Panda’. E questo solo per citare alcuni titoli…..

L’ Italia sarà presente con due Film molto attesi: “Il divo” di Paolo Sorrentino e “Gomorra” di Matteo Garrone (e “Sanguepazzo” di Marco Tullio Giordana tra gli Special Screenings) che garantiscono non solo qualità ma anche tante polemiche per i temi trattati. Per l’Italia c’è quindi la possibilità di concorrere alla Palma d’oro o comunque a premi prestigiosi. Anche per gli altri paesi non mancano grandi nomi, tra i quali ricordiamo i fratelli Dardenne, Atom Egoyan, Nuri Bilge Ceylan, Steven Soderbergh,Wim Wenders ,Clint Eastwood e Philippe Garrel. Presente anche un’ unica opera prima di uno degli sceneggiatori più apprezzati negli ultimi anni, Charlie Kaufman con il film” Synecdoche, New York”.
Il Festival sarà aperto da ” Blindness- Cecità” , Di Fernando Meirelles, già regista di City of God e di The Constant Gardener

In corsa per la Palma d’oro ventidue titoli proiettati al Grand Théâtre Lumière per la Sezione Ufficiale. Quest’anno due film italiani in concorso ‘Gomorra’ di Matteo Garrone e ‘Il Divo’ di Paolo Sorrentino. Tra i grandi ritorni di autori cari al festival i fratelli Dardenne, Steven Soderbergh e il suo ritratto del Che affidato a Benicio Del Toro e Wim Wenders con il suo film siciliano.

I Film in concorso


  • Adoration di Atom Egoyan
  • Blindness (serata di apertura) di Fernando Meirelles
  • Che Steven Soderbergh
  • Delta di Kornel Mundruczo
  • Entre le murs di Laurent Cantet
  • Er shi si cheng ji (24 city) Zhang Ke Jia
  • Gomorra di Matteo Garrone
  • Il divo di Paolo Sorrentino
  • La Frontière de l’aube di Philippe Garrel
  • La Mujer sin cabeza di Lucrecia Martel
  • Le silence de Lorna di Luc Dardenne e Jean-Pierre Dardenne
  • Leonera di Pablo Trapero
  • Linha de passe di Walter Salles
  • My magic di Eric Khoo
  • Palermo Shooting di Wim Wenders
  • Serbis di Brillante Mendoza
  • Synecdoche, New York di Charlie Kaufman
  • The exchange di Clint Eastwood
  • Two Lovers di James Gray
  • Uc Maymun di Nuri Bilge Ceylan
  • Un conte de Noël di Arnaud Desplechin
  • Valse avec Bachir di Ari Folman